ex tenebris

 

TitoloEx Tenebris
Autore: Lorenzo Basilico
Editore: auto-pubblicazione
Anno di pubblicazione: 2017
Pagine: 91
Link all’acquistoe-book

 

 

Prendete Milano e aggiungete un pizzico di magia; poi prendete un uomo qualunque, con qualche problema relazionale e con una certa tendenza all’insofferenza e rendetelo un mago – un mago piuttosto insignificante, però – : avrete Ex Tenebris di Lorenzo Basilico, un breve urbanfantasy dal tono irriverente.

Annibale Salinas vive a Milano, fa il netturbino ed è un mago. Un giorno, qualcuno irrompe nel suo appartamento per catturarlo, ma non lo trova. Per Annibale sarà l’inizio di una strana e pericolosa avventura che lo condurrà tra elfi – antipatici- , nani – ubriaconi – , licantropi – sanguinari – e altre creature, mentre qualcuno nell’ombra tenta di portare a termine un piano che ha proprio bisogno di Annibale per funzionare.

Ex Tenebris è un romanzo di intrattenimento che si legge velocemente, complice uno stile senza troppi fronzoli e personaggi non troppo approfonditi, ma in ogni caso con personalità abbastanza sopra le righe, che, insieme al protagonista, si affollano sulla scena. Partiamo dal protagonista: Annibale è un uomo mediocre che fa fatica a socializzare e che si lascia un po’ vivere, diviso a metà tra il mondo degli umani e quello magico, dove è un mago senza particolari abilità. Annibale non è esattamente un personaggio con cui è facile entrare in sintonia – se non fosse che è un mago è assolutamente una persona qualunque, quasi banale – , ma si fa ben volere grazie alla sua ironia, attraverso la quale filtra ogni situazione, anche quelle più rischiose. C’è un certo accanimento intorno ad Annibale: tutti, in un modo o nell’altro, tramano contro di lui o parteggiano per lui; ne risulta un Annibale che è una pedina che cerca di comprendere – senza eccessivo impegno o allarme, in realtà – che cosa gli sta accadendo, ma con scarsissimi risultati. Gli altri personaggi invece sono un po’ più piatti: c’è la pseudo-fidanzata preoccupata, c’è la collega mediamente irritante, c’è l’amico con cui allenarsi, ci sono le streghe misteriose e così via; si tratta di personaggi che sono carenti nel loro sviluppo – dopotutto lo stesso Annibale non è molto sviluppato: per esempio sappiamo pochissimo del suo passato – , che sono esasperati nell’elemento caratteriale che li caratterizza. È una nota non necessariamente negativa, se si prende il libro come una lettura leggera che sappia intrattenere, che però può deludere se magari accanto all’azione e al mistero si vuole qualcosa di più. Un appunto però: c’è un personaggio, un elfo, che è, a mio parere, il personaggio con più potenziale del romanzo – non si capisce se voglia Annibale vivo oppure morto e sa molto di più di quello che dà a vedere –  ma risulta vittima di questa “semplificazione”; una sua maggiore caratterizzazione avrebbe giovato a rendere la storia più avvincente.

In linea con il trattamento dei personaggi è anche quello riservato all’ambientazione, che è essenziale, ma funziona abbastanza. Dico abbastanza perché mi è piaciuto il fatto che l’ambientazione fosse italiana e milanese, che fosse lasciato intuire che quello che ci è stato mostrato non è che un accenno della complessità del mondo magico: in questo modo si è creato un senso di mistero. Ma non è stato fatto comprendere del tutto come i maghi e le streghe si rapportano con il mondo umano: perché hanno lavori “comuni”? Come hanno imparato la magia?

Lo stile di Ex Tenebris è vivace, condito con l’ironia – e in certi tratti scurrilità – del protagonista: ci si diverte e si sorride. La storia è narrata in prima persona e al presente, cosa che rende tutto molto immediato. Peccato solo per qualche errore di distrazione.

Concludendo, Ex Tenebris è un romanzo che avrebbe bisogno di qualche ritocco, ma che in ogni caso risulta capace di divertire e di intrattenere senza troppe pretese, un po’ come il suo atipico protagonista.

Questa cosa è iniziata molto prima di me e di te, Annibale Salinas. Siamo le ultime pedine di un gioco di una tale portata che la nostra mente fatica a concepire.