david e niccola. Oscuro risveglio

 

TitoloDavid e Niccola. Oscuro risveglio
Autore: Gabriella Francia
Editore: auto-pubblicazione
Anno di pubblicazione: 2017
Pagine: 240
Link all’acquistoe-book

 

 

David e Niccola. Oscuro risveglio di Gabriella Francia, un urban-fantasy con forti tinte romance, è il racconto della nascita dell’amore tra una vampira e un uomo e delle sue tragiche conseguenze.

Niccola è una vampira con un passato doloroso che un giorno incontra David, un giovane vedovo con un figlio di pochi anni, di nome Alexander. Per Niccola è, inspiegabilmente, amore a prima vista, tanto che accetta di fare da babysitter al bambino, mentre David cerca di rientrare al lavoro in ospedale, dopo mesi di lontananza in cui ha cercato di superare il lutto per la moglie. Niccola diventerà presto indispensabile per David e non solo come babysitter: tra i due nascerà un forte legame. Ma come reagirà David quando scoprirà la reale identità di Niccola? E cosa sarà disposta a fare lei per difendere l’uomo che ama dal suo mondo oscuro?

David e Niccola. Oscuro risveglio è un libro che incarna quello che mi aspetto da un romanzo rosa: una storia un po’ stereotipata, con situazioni forzate volte a far emergere determinati sentimenti o a provocare certe svolte nella trama, con personaggi che rispondono a specifici canoni. A tutto questo si aggiunge il fattore del vampirismo, che vorrebbe dare quel tocco di tragico e di mistero in grado di fornire una dinamicità e uno spessore maggiori alla vicenda, ma che non riesce del tutto nel suo intento. Infatti il romanzo fatica a coinvolgere e ad appassionare, narrando una storia che si basa su dialoghi non troppo brillanti e confronti tra personaggi che hanno del melodrammatico. Le parti più interessanti del libro, cioè quella che riguarda il passato di Niccola e quella delle questioni tra i vampiri, sono poco più che accennate, mentre a mio parere avrebbero meritato più spazio. Non che il libro sia del tutto malvagio: si fa comunque leggere ed emerge un discorso interessante su come l’amore a volte significhi sacrificio e altre volte abbandonare le proprie sicurezze, però si sarebbe potuto fare di più, anche perché alcuni elementi avevano del potenziale. Mi riferisco in particolare ai vampiri che rappresentano la “famiglia” di Niccola, a partire da Lucius, il vampiro che l’ha trasformata, ma di cui si sa poco niente, così come degli altri vampiri, che sono delle spalle più o meno comiche, mentre avrebbero potuto dare di più, se gli fosse stato dedicato più spazio, in cui indagare le loro origini o anche mostrandoli in situazioni differenti. Mi è piaciuta invece l’ambientazione italiana.

Il romanzo è scritto con uno stile semplice che però andrebbe un po’ rivisto. Troppe esclamazioni, pochi guizzi, frasi un po’ confuse e non sempre corrette. Anche i dialoghi, che compongono gran parte della storia, sono poco efficaci e non sempre chiari.

Concludendo, David e Niccola. Oscuro risveglio è un romanzo che andrebbe rivisto, una lettura che può essere affrontata da chi cerca un romanzo non impegnativo e apprezza le storie d’amore impossibili.

Ancora una volta mi rimbalza in testa la domanda che per tutta la notte non mi ha fatto dormire.
Che sto facendo?
È una follia. Forse prima di sera saremo tutti morti… forse sto portando le due persone a me più care in una trappola… Eppure…
Devo andare! Mi resta una sola certezza, dopotutto.
Io ho bisogno di lei e lei ha bisogno di me.