la-sposa-imperfetta

 

Titolo: La sposa imperfetta
Autore: Giulia Beyman
Editore: iEffe – Independently Published
Anno di pubblicazione: 2017
Pagine: 243
Link all’acquisto: cartaceo/e-book

 

 

Le esperienze che viviamo sono parte della nostra crescita, tappe che segnano il profilarsi della nostra identità, dei tasselli essenziali senza i quali è inevitabile sentirsi smarriti; e così si sente Zoe Cartwirght, una giovane donna che ha perso tutti i ricordi dopo che qualcuno ha cercato di ucciderla. Il suo arrivo a Martha’s Vineyard, otto mesi dopo il tentato omicidio, insieme a Robert, un famoso neurochirurgo che la ha appena sposata, vorrebbe essere l’inizio di una nuova e felice vita. Ma Zoe è assillata dalle domande: chi la voleva morta? Perché nessuno l’ha cercata dopo il suo ritrovamento? Ad aiutarla a rispondere sarà Nora Cooper.

La sposa imperfetta di Giulia Beyman è un romanzo godibile, che parte con un primo capitolo che cattura all’istante con la sua atmosfera cupa e violenta, per poi trasportarci dentro pagine dove il mistero del passato di Zoe emerge a poco a poco agli occhi di Nora, tramite segni inquietanti. Leggendo, anche noi scopriamo lentamente cosa si cela nel passato perduto di Zoe, racimolando informazioni tra le pagine che ci aiutano a ricomporre il puzzle. La risoluzione arriva come un presagio, in un susseguirsi di scoperte drammatiche che svelano il perché della sofferenza che Zoe ha ritratta sul volto e che la porta a essere diffidente verso chi la circonda e pare non comprendere il suo bisogno di riottenere i propri ricordi; una sofferenza che la condurrà anche a dubitare di chi le è più vicino, avvantaggiando chi la vuole morta.

Nonostante l’espediente della perdita totale della memoria non sia una novità, così come non lo è la capacità di Nora di captare segnali dall’aldilà, la trama coinvolge, in un crescendo che non lascia esenti da una certa ansia. Si empatizza con Zoe, con il suo percepirsi come un “prodotto di seconda mano”, e si partecipa alla sua evoluzione che la porta a comprendere come il passato sia sì importante, ma lo sia ancora di più avere il coraggio di vivere il presente, di scegliere chi essere ogni giorno. Ma si entra in sintonia anche con Nora e con il suo desiderio di scoprire la verità, come se fosse una missione.

Questo romanzo è il sesto della serie dedicata a Nora Cooper, ma, per comprendere la vicenda, non è necessario avere letto i precedenti romanzi, complici i brevi accenni che l’autrice dissemina per la storia, scritta con uno stile fluido e semplice, a tratti cinematografico, capace di cogliere gli aspetti salienti dei personaggi e dell’ambientazione.

In conclusione, La sposa imperfetta è un buon romanzo tra il giallo e il thriller, che si legge tutto di un fiato, curiosi di sapere come andrà a finire.

Devi aiutarla, aveva detto la ragazza nel sogno.
Le aveva domandato a chi si riferisse, e non aveva ricevuto risposta. Ma le macchie di sangue e il fatto che un’anima si fosse fatta portavoce di quel messaggio, sembravano suggerire che si trattasse di qualcosa di molto urgente. E Nora non riusciva a non pensare che fosse Zoe la persona che aveva bisogno di lei.